La città del dolce - :: SITO UFFICIALE DELLA CITTA' DI NOVI LIGURE (AL) ::

La città del dolce - :: SITO UFFICIALE DELLA CITTA' DI NOVI LIGURE (AL) ::

 

La citta' del dolce

Il settore Industriale
"Novi è la penultima città dello Stato di Genova; si vanta, come la sua metropoli, di possedere affreschi e sorbetti eccellenti", così Charles de Brosses nel 1739, nel suo "Viaggio in Italia. Lettere famigliari" giudicava Novi. Un atteggiamento lapidario che però testimonia di come già nel XVIII secolo la tradizione del dolce a Novi fosse già una realtà.
I primi documenti, invece, che testimoniano della nascita della prima azienda novese dolciaria risalgono al XIX secolo. Il 1° giugno 1868, infatti, Stefano Pernigotti sottoscriveva con il figlio Francesco una scrittura privata con la quale si stabilivano i rapporti per la nuova società.
La drogheria di Stefano Pernigotti era già esistente e aperta al commercio già nel 1860.
Le prime specialità della Ditta erano sicuramente il torrone e la mostarda. La "Stefano Pernigotti" già nel 1860 faceva del torrone una specialità locale.
Nei primi anni del '900 la Pernigotti avvia la produzione del cioccolato e nel 1935 vengono prodotti per gelati e per la pasticceria.
Nel 1895 la Gambarotta, azienda produttrice di liquori digestivi e in particolare dell' "Amaro Gambarotta" fin dal 1832 impianta un nuovo stabilimento nel quale diversifica la produzione: oltre all'amaro, premiato all'Esposizione Nazionale di Torino del 1898, produce anche torrone, cioccolato, mostarda e confetture.
Ed è proprio dall'iniziativa della Gambarotta che nasce il 14 ottobre 1903 la FICC (Fabbrica Italiana di Confetture, Cioccolato ed Affini) "società a forma cooperativistica tra esercenti in dolciumi" che subentra nell'attività della Gambarotta stessa.
Nel 1936 viene inaugurato il "nuovo grandioso stabilimento" della S.A. Novi Cioccolato e Caramelle, è il segno evidente del rilancio della FICC che muta ragione sociale e diventa "S.A. NOVI Cioccolato, Caramelle, Confetti" la cui produzione negli anni '70 verrà premiata con il Mercurio d'Oro.
Nel 1985 la Novi è assorbita dal Gruppo Elah Dufour e conosce un nuovo rilancio. Il gruppo concentra su Novi le sue produzioni e il marchio Novi viene legato alla produzione di cioccolato.
Nel 1928 nasce a Serravalle Scrivia la FIDASS (Fabbrica Italiana Dolci ed Affini) con produzioni orientate soprattutto alle caramelle, azienda che conoscerà un forte sviluppo ma chiuderà i battenti nel 1981.
La Bailo di Novi è un'altra industria presente sul territorio novese fino al 1968 data della sua definitiva chiusura. Altre fabbriche sono presenti come la Ferrando di Arquata Scrivia.
Dalla crisi di grosse aziende nascono nuovi stabilimenti e nuovi marchi.
La Pernigotti nel 1995 entra a far parte del gruppo Averna, operazione che preannuncia un rilancio dell'azienda dolciaria novese.
La Novi.Elah-Dufour acquisisce anche la Baratti
Milano e nel 2001 annuncia il raddoppio dello stabilimento. Nel 2000 la Novi entra a far parte del Guinnes dei primati con la tavoletta di cioccolato più grande del mondo, nel 2001 raddoppia il successo facendo uscire dal suo stabilimento il Gianduiotto più grande del mondo.


Nella zona del novese sono nate altre aziende come la Nichol's, la Gambarotta, la Serra Industria Dolciaria, la Suissa e la Tre Rossi (di Ovada), queste aziende insieme alla Pernigotti e alla Roquette Italia fanno parte del Polo Dolciario Novese.
Un Consorzio nato nel 1996 con lo scopo di raggiungere obiettivi commerciali e di mercato, tecnico produttivi e di formazione professionale. Un'iniziativa che può contribuire al rilancio non solo del settore dolciario, in parte già in corso, ma dell'intera area.


Il settore Artigianale
La tradizione dolciaria novese si sviluppa, com'è ovvio, anche nel settore artigianale.
Novi conta numerose pasticcerie, alcune di antica tradizione, la più antica tra quelle tuttora in attività nasce nel 1933. nel tempo sono nati nuovi esercizi che hanno preso il posto di altre pasticcerie che hanno chiuso i battenti. Un settore che ha continuato a rinnovarsi nel tempo.
Al termine di questo viaggio nel settore dolciario non può mancare un riferimento alle gelatrie queste sono anch'esse numerose e si ricollegano alla tradizione che Charles De Brosses citava già nel 1739 nel suo "Viaggio in Italia".

Il testo La Città del Dolce è di Lorenzo Robbiano

Fonti: Un secolo di storia attraverso il dolciario Novese. Eraldo Leardi; Relazione al Convegno del Polo Dolciario Novese 1996; Per una storia dell'industria dolciaria Novese. Giancarlo Subrero, ISRAL 1998


 

LE INDUSTRIE


LE PASTICCERIE

  • Antica Novi via Roma, 59 tel.0143-2623
  • Delizia via Mameli, 2 tel.0143-75567
  • La Pieve via Verdi, 55 tel.0143-2622
  • Lasagna via P. Isola, 12 tel.0143-76156
    via Roma, 136 tel.0143-75700
    corso Piave, 34 tel.0143-72169
  • Giardini via Cavallotti, 126 tel.0143-78606
  • Elvezia viale Saffi, 40 tel.0143-2561
  • Voglia di Bontà via F. Scrivia, 25 tel.0143-743716
  • Carletto via Girardengo, 99 tel.0143-2110
  • Casa del Dolce str. Villalvernia, 58 tel.0143-329614
  • Arte e Dolce via S. Marziano, 1 tel.0143-321221
  • Nonsolocioccolato viale Rimembranza, 83 tel.0143-746157

 

 


LE GELATERIE

  • Cremeria i Porici corso Marenco, 99 tel 0143-2662
  • Bar Giardini via Cavallotti, 126 tel 0143-78606
  • Bar Elvezia viale Saffi, 40 tel 0143-2561
  • Bar Carletto via Girardengo, 99 tel 0143-2110
  • Bar Peso p.zza XX Settembre tel 0143-2003
  • Bar Scacco Matto viale Rimembranza, 73 tel 0143-2048
  • Caffé Gel corso Italia tel 0143-75660
  • Il gelatiere "Riccardo" viale Rimembranza, 45 tel 0143-79383
  • Gelateria "Gelatissimo" via Garibaldi, 99
  • Gelateria Arcobaleno corso Marenco, 19 tel 0143-79744
  • Gelateria Delizia via Mameli, 2 tel 0143-75567

 

Risultato (7144 valutazioni)