Coronavirus - Aggiornamento 12/03/2020 - :: SITO UFFICIALE DELLA CITTA' DI NOVI LIGURE (AL) ::

archivio notizie - :: SITO UFFICIALE DELLA CITTA' DI NOVI LIGURE (AL) ::

Coronavirus - Aggiornamento 12/03/2020

 
Coronavirus - Aggiornamento 12/03/2020

EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA COVID- 2019

Dpcm 11/03/2020 | Modulo di autodichiarazione per gli spostamenti

Decreto #IoRestoaCasa, domande frequenti sulle misure adottate dal Governo


Mercato si, mercato no.
Un amico soleva dirmi: “Siamo capaci tutti a compilare la schedina vincente del totocalcio al lunedì!” e questa notte il nuovo Decreto emanato dal Presidente del Consiglio dei Ministri ha fatto finalmente chiarezza riguardo agli innumerevoli interrogativi che hanno caratterizzato i giorni successivi all’8 marzo, quando la Prefettura e gli uffici comunali cercavano di interpretare le ultime disposizioni volte a limitare il contagio nelle attività commerciali.
Ora la situazione è più chiara: l’art. 1 del DPCM 11/3/2020 sospende le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità.
In particolare precisa che “sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari”.
I Novesi più avveduti avranno notato che la piazza XX settembre stamane era deserta, mentre le postazioni degli alimentaristi di via Garibaldi e di Piazza Carenzi erano presidiati dai nostri agenti della Polizia Municipale, i quali monitoravano le distanze tra i pochi avventori.
Non avevo dubbi che gli uffici i quali assistono l’Amministrazione Comunale per fronteggiare un evento della cui gravità la città tutta sta prendendo coscienza, si sarebbero dimostrati preparati e capaci: questo dovrebbe convincere anche chi è propenso a lasciarsi andare a giudizi affrettati, che le strutture comunali sono operative ed efficaci.
Mi sento pertanto in dovere di ringraziare tutta la compagine organizzativa comunale, sottolineando come, a partire dall’analisi giuridica delle possibilità di intervento, per finire con le operazioni più routinarie di sorveglianza e vicinanza alla popolazione, anche per il nostro personale coesistono doveri di collaborazione e pericoli per la propria salute.
Rivolgo comunque nuovamente un pressante appello a tutta la cittadinanza ed al senso di responsabilità personale di ognuno, affinché vengano evitate le occasioni di contagio secondo le norme di sicurezza che abbiamo continuato ad esporre.
Sembra inoltre opportuno riproporre uno schema formulato dall’ANCI, che condensa permessi e divieti per le attività commerciali, di servizi e produttive. 
IL SINDACO
Gian Paolo Cabella


MISURE DI PREVENZIONE IGIENICO SANITARIE 

a) lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;

b) evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;

c) evitare abbracci e strette di mano;

d) mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro;

e) igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);

t) evitare l'uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l'attività sportiva;

g) non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;

h) coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;

i) non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;

l) pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;

m) usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o se si presta assistenza a persone malate.


Per approfondimenti e aggiornamenti:

 


Risultato (133 valutazioni)